2 GIORNATA Girone A – Mercoledì 23/07/2014

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Keynes blog

BerlusconiSantoro

di Emiliano Brancaccio

Silvio Berlusconi poteva essere attaccato per avere impresso una tremenda accelerazione ai processi di precarizzazione del mercato del lavoro italiano; per aver contribuito più di altri al depotenziamento della contrattazione nazionale sui salari; per avere assecondato un micidiale regresso culturale, oltre che giuridico, nel campo dei diritti civili; più in generale, per esser stato convinto propugnatore di una visione aziendale e quindi autoritaria dello Stato. Poteva esser messo sul banco degli imputati politici per avere ridotto la politica industriale nazionale a una scassata congerie di prebende, lassismo fiscale, riduzione dei controlli sulla sicurezza del lavoro. Poteva essere accusato di aver contribuito in modo decisivo al dilagare di una concezione magliara delle relazioni sociali, affettive e sessuali. Berlusconi, insomma, poteva essere presentato come la più fedele incarnazione di un capitalismo nazionale imbolsito, retrivo, perennemente tentato dalla logica della reazione: l’arrocco di un Gulliver monopolista sostenuto da una invereconda…

View original post 339 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

OMAR HANDOUK

Capita di frequente che come freelance, ci si sente svuotati dalle “regole” che l’attuale politica di mercato ci impone di seguire. Infatti, spesso la persona e le sue abitudini non corrispondono con quelle del professionista. I ritmi di lavoro, le decisioni, gli obblighi, sono tutti aspetti che le due figure, professionista e persona, affronterebbero in maniera diversa. Nel tempo ho elaborato alcune regole utili per poter mantenere un rapporto “positivo” con la propria professione.

Verificare al 100% le richieste del cliente

Ogni volta che si inizia un nuovo progetto, verificare in maniera Completa, le specifiche esatte che il cliente richiede. Non iniziare un progetto se si hanno degli aspetti da delineare con il cliente. Concordare delle iterazioni di ri-discussione delle specifiche di progetto ogni volta che si fa una DEMO con il cliente. Più le DEMO sono frequenti, più il prodotto finale sarà coerente con le esigenze del cliente.

Incentivare i…

View original post 156 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Learning from Lorelle

WordPress logoWordPress began with a humble question from Matt Mullenweg to the world in January of 2003:

My blogging software hasn’t been updated for months, and the main developer has disappeared, and I can only hope that he’s okay.

What to do? Well, Textpattern looks like everything I could ever want, but it doesn’t look like it’s going to be licensed under something politically I could agree with. Fortunately, b2/cafelog is GPL, which means that I could use the existing codebase to create a fork, integrating all the cool stuff that Michel would be working on right now if only he was around. The work would never be lost, as if I fell of the face of the planet a year from now, whatever code I made would be free to the world, and if someone else wanted to pick it up they could. I’ve decided that this the course of…

View original post 3.856 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Andrea Lazzarotto

Nuova versione dello script per guardare e scaricare i video dal portale Video Mediaset

Oggi ho avuto modo di rivedere meglio il mio script per il sito Video Mediaset. La versione precedente vi forniva alcuni dei link diretti per salvare i video. Questa nuova versione invece aggiunge nuovi formati (compreso l’MP4 in qualità medio-alta e semplice da scaricare) nonché introduce un player integrato direttamente nel browser. Se avete già installato lo script vi si dovrebbe aggiornare da solo, in ogni caso dateci un’occhiata.

View original post

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

fracieloeterra

Molti di noi conoscono una famosa canzone di Angelo Branduardi, in cui si narra la storia di un topolino, comprato ad una fiera.
Dopo che il topo viene mangiato, occorre spiegare quale fine farà il gatto; si innesca dunque una catena di eventi, per spiegare la fine di tutto, giungendo infine ad invocare l’intervento divino in qualità di prima causa.
Questa filastrocca rappresenta bene il bisogno che viviamo fin dall’infanzia di risalire dagli eventi quotidiani alle loro cause. Ciò vale anche per la curiosità per le origini dell’universo.
Secondo i sostenitori dell’ipotesi del big-bang  (1), all’inizio della storia dell’universo ci sarebbe stata un’esplosione di materia

View original post 549 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

amo il web, non ricambiato

Cliente: A che punto siete col sito?

Io: Sito? In che senso? Abbiamo redatto il contratto come ci avete richiesto… ma non lo avete mai firmato…

Cliente: Ah, davvero? Mi spiace, le ultime due settimane sono stato molto preso e forse non ho visto la vostra email…

Io: A dire il vero lo abbiamo inviato 4 mesi fa…

View original post

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento